6 effetti negativi della soia

La tua torta di soia è un pericolo per la tua virilità? Sempre più acclamato per sostituire le proteine ​​animali senza danneggiare il pianeta, la soia è salutare per te e la tua virilità? Risposte subito con un bonus di 6 effetti negativi di soia.

Il piccolo seme che sale
Prima della seconda guerra mondiale l’unica cosa che mi veniva in mente quando la gente parlava della soia era la salsa usata nella cucina asiatica.

Oggi è la seconda produzione agricola negli Stati Uniti dopo il mais.

Se la Cina è il suo maggiore importatore, il resto del mondo non rimane indietro: l’Europa arriva al secondo posto davanti a Messico e Giappone (1).

Quindi, sì, gran parte di questa produzione è per l’alimentazione del bestiame. Ma guardate ancora gli scaffali del supermercato più piccolo del quartiere: tofu affumicato, torte di soia, latte di soia, yogurt di soia, creme dolci di soia.

Anche la tua TV è colonizzata dal piccolo seme che sale, con i pub che ti dicono quanto è buono mangiare la soia: per te e per il pianeta.

Ma da quando dovremmo credere alla pubblicità?

Soia, un disgregatore endocrino?
Il consumo di soia è stato un problema dagli anni ’40 quando è stato scoperto che alcuni dei suoi principi attivi, gli isoflavoni, avevano proprietà estrogeniche.

Chiaramente possono essere confusi con gli ormoni sessuali femminili dai recettori degli estrogeni del corpo umano. È quindi un disgregatore endocrino naturale.

La soia e gli alimenti che ne derivano sono i più ricchi di isoflavoni.

Per questo motivo la soia è stata a lungo sospettata di promuovere il cancro al seno. Ma uno studio recente lo ha completamente imbiancato (2): non solo la soia non causa il cancro al seno, ma il suo consumo aumenta anche l’aspettativa di vita delle donne che hanno già un cancro al seno.

Studi molto contraddittori
Dall’inizio degli anni 2000, gli studi si sono moltiplicati per scoprire gli effetti positivi o negativi della soia sulla salute. Protettore contro il cancro, cancerogeno, buono per il cuore, anti diabete … leggiamo tutto … e il suo contrario.

Ma i più recenti tendono a preoccuparsi più che a rassicurare.

Quindi, tutti questi ormoni femminili, anche dalle piante, non sono pericolosi per noi uomini? Quali sono gli effetti collaterali della soia negli esseri umani?

La soia riduce la fertilità maschile
Prima di essere dannoso per la nostra salute, la soia sembra già avere un impatto negativo sulla fertilità.

Uno studio del 2008 ha rilevato che mangiare una media di ½ porzione di soia al giorno riduce la concentrazione di spermatozoi negli spermatozoi. Questo effetto anti-fertilità della soia è ancora più pronunciato negli uomini obesi o in sovrappeso (3)

Mezza porzione di soia per i ricercatori rappresenta 12 cl di latte di soia o 57 grammi di tofu.

Per relativizzare un po ‘, sappi che, secondo questo stesso studio, è negli uomini che originariamente aveva la più alta concentrazione di sperma che la soia ha avuto un effetto negativo.

La soia aumenta il rischio di cancro alla prostata
Sì, è l’effetto negativo della soia più inquietante. Questo è uno studio del 2017 che ha messo in pericolo questo pericolo. (4) Si basava sui risultati di un lungo studio di 11 anni sulle abitudini alimentari dei pazienti con vari tipi di cancro.

La conclusione dei ricercatori è che il consumo di isoflavone di soia aumenta la frequenza del cancro alla prostata in una fase avanzata, vale a dire che si diffonde oltre la ghiandola stessa.

Infine, come ci si potrebbe aspettare, la soia non aiuta la produzione di testosterone.

La soia riduce la produzione di testosterone
Gli uomini che fanno bodybuilding spesso si chiedono se consumare proteine ​​di soia dopo l’esercizio fisico non aumenterà la produzione di estrogeni e abbasserà i livelli di testosterone.

Uno studio ha dato la risposta: due gruppi di giovani uomini che praticano il bodybuilding sono stati integrati con integratori di proteine ​​del siero del latte o con integratori di proteine ​​di soia. Hanno quindi dovuto praticare 6 serie da 10 squat con un carico pesante usando l’80% della loro forza.

Dopo 14 giorni di questa dieta, i ricercatori hanno scoperto che la supplementazione di soia riduceva i livelli di testosterone nel sangue in questi atleti. Mentre la proteina del siero del latte ha ridotto la concentrazione di cortisolo (l’ormone dello stress).

Un’altezza!

Ecco i 6 effetti negativi della soia:
1 Aumento del rischio di cancro alla prostata
2 Riduzione della fertilità maschile
3 Riduzione del testosterone
e così

4 diminuzione della libido
5 Diminuzione della forza muscolare
6 Stanchezza e rischio di depressione
conclusione:
Certamente non vuoi soffrire questi 6 effetti negativi della soia.

Se sei onnivoro, non hai necessariamente bisogno di soia.

Sei vegetariano? Invece, optare per le uova di pollo e mangiare soia di volta in volta.

Vegan? Cerca di variare le fonti di proteine ​​e riduci il consumo di soia.

Non consumarlo ogni giorno, altrimenti il ​​testosterone cadrà e aumenterà il rischio di cancro alla prostata invasivo.

C'è un nuovo trattamento naturale al 100% e garantito al 100% che sta aiutando migliaia di persone in tutto il mondo a curare la loro disfunzione erettile, clicca qui e guarda il video

9 modi per abbassare i livelli di estrogeni negli uomini

Ti rifiuti di lasciarsi travolgere da un eccesso di ormoni femminili. Vuoi mantenere intatta tutta la tua virilità? Qui ci sono 9 modi per abbassare i livelli di estrogeni negli uomini.

Estrogeni nell’uomo?
Gli estrogeni a priori non sono un veleno violento di cui dovremmo sbarazzarci ad ogni costo.

Questi sono ormoni sessuali femminili (estradiolo, estrone, estriolo), naturalmente presenti in piccole quantità nel sangue degli uomini. Sono secreti dalle ghiandole surrenali, dai testicoli e dal grasso corporeo.

Infatti negli umani gli estrogeni vengono prodotti principalmente a seguito di una conversione del testosterone da parte di un enzima: l’aromatasi.

Quando i livelli di estrogeni rimangono nelle unghie, tutto va bene.

Ma gli uomini che hanno livelli troppo alti di estrogeni sono soggetti a molti rischi per la salute:

I pericoli di troppi estrogeni
L’allattamento al seno, la perdita di massa muscolare e la perdita di libido sono gli inconvenienti più rapidamente notati. Ma i rischi a lungo termine sono ancora più gravi:

cancro:
Secondo uno studio del 2015, gli uomini che hanno alti livelli di estrogeni hanno il 50% in più di probabilità di avere un cancro al seno rispetto agli uomini che hanno bassi livelli di estrogeni. (1) Il cancro alla prostata è anche sensibile alla presenza di interferenti endocrini che mimano gli effetti degli estrogeni.

l’obesità:
Secondo uno studio pubblicato sulla rivista PLOS nel 2014, uno squilibrio ormonale a favore degli estrogeni potrebbe essere all’origine dell’epidemia di obesità che colpisce gli uomini occidentali (2).

E questo squilibrio è probabilmente dovuto all’esposizione anormale agli estrogeni e agli interferenti endocrini chimici che imitano gli effetti.

l’infertilità:
Uno squilibrio di testosterone / estrogeno probabilmente dovuto all’accumulo di interferenti endocrini nel nostro ambiente sarebbe all’origine dell’epidemia di infertilità che colpisce gli uomini dei paesi sviluppati. Questa è in ogni caso la conclusione di questi stessi ricercatori (2)

Per evitare questo, ecco i 9 modi per abbassare i livelli di estrogeni negli uomini

1 Zappa la plastica
Ftalati e bisfenolo A o BPA sono due interferenti endocrini che imitano gli effetti degli estrogeni nel corpo.

Il BPA che viene eliminato gradualmente dagli articoli per bambini può finire in contenitori di plastica scadenti.

Gli ftalati si trovano in PVC o polivinilcloruro, una sostanza plastica flessibile ancora ampiamente utilizzata.

Rifiutare i prodotti alimentari confezionati in plastica abbasserebbe logicamente i livelli di estrogeni negli esseri umani.

2 Limitare i cibi in scatola
Le resine trovate nelle lattine possono contenere anche il bisfenolo A.

Il consumo giornaliero di cibi in scatola aumenta quindi il rischio di accumulo nel corpo del bisfenolo A e quindi favorisce la devirilizzazione.

3 Consuma la soia con moderazione
La soia contiene gli isoflavoni, i più noti fitoestrogeni, che sono naturali perturbatori endocrini, derivati ​​dalle piante.

Gli alimenti a base di soia più comuni sono:

tofu
Latte di soia
Tortini di verdure
tempeh
Fagioli di soia (edamame)

Detto questo, uno studio giapponese ha dimostrato che erano gli uomini a non mangiare mai soia, ma anche quelli che lo mangiavano ogni giorno e che rischiavano di morire prematuramente.

Coloro che mangiavano soia 1 o 2 volte a settimana avevano la migliore salute. (3) Fare tutto questo non sarebbe una buona idea.

4 Ridurre l’alcol
Meno bere abbasserebbe i suoi livelli di estrogeni negli esseri umani. L’alcol ha in effetti un triplice effetto pro-estrogenico:

Prima chiede molto al fegato e gli impedisce di svolgere correttamente il suo lavoro. Uno dei ruoli del fegato è quello di eliminare l’eccesso di estrogeni nel corpo. Risultato gli estrogeni rimangono mentre avrebbero dovuto essere eliminati.
Un’altra preoccupazione: l’alcol stimola l’attività dell’aromatasi e quindi la trasformazione del testosterone in estrogeno. (4)
Infine, la birra è un alcol da evitare soprattutto perché il luppolo è un fitoestrogeno.
L’unico alcol che può aiutare a combattere gli estrogeni è il vino rosso, i cui antiossidanti (resveratrolo) hanno una certa attività anti-aromatasi. Ma con moderazione lo stesso.

5 Perdere peso
Se l’estrogeno è a volte responsabile di un eccessivo aumento di peso negli esseri umani, il contrario è altrettanto vero.

Infatti, più grasso corporeo hai, più aromatasi produci, l’enzima responsabile della conversione del tuo testosterone in estrogeno.

Perdere peso è quindi una misura necessaria, e forse anche il primo passo da compiere se si ha troppo estrogeno.

Se pratichi sport oltre a una dieta a basso contenuto calorico, aumenterai il riequilibrio di estrogeni e testosterone.

6 Limita il pesce
Alcuni pesci sono particolarmente contaminati da metalli pesanti, in particolare mercurio e piombo, noti come interferenti endocrini.

A Hong Kong è stato segnalato un forte calo della fertilità tra gli uomini che mangiano pesce più di quattro volte alla settimana.

I pesci possono anche essere contaminati da PCB, un altro interferente endocrino. Questo è particolarmente il caso delle sardine dell’Atlantico

I pesci più pesantemente contaminati sono i carnivori pesanti: lupo, tonno, squalo, pesce spada. Tra i meno contaminati ci sono il merluzzo e l’acciuga.

7 Evitare i pesticidi
Alcuni pesticidi sono degli interferenti endocrini che imitano il comportamento degli estrogeni nel corpo.

Poiché è difficile sapere quale pesticida sono stati trattati con l’acquisto di frutta e verdura, c’è solo una soluzione. Mangia solo frutta e verdura biologica per evitare residui di pesticidi sui cibi tradizionali.

E se hai un giardino o se sei un contadino, sii consapevole del rischio che correrai usando pesticidi.

8 Bere succo di melograno
Il melograno è un frutto particolarmente benefico per la salute dell’uomo. Infatti, l’acido ellagico che contiene la sua pelle ha proprietà anti-aromatasi.

Uno studio sugli effetti di questo composto sul cancro al seno ormono-dipendente ha convinto i ricercatori al punto che raccomandano di mangiare più melograno per prevenire lo sviluppo di diversi tumori, non solo il cancro al seno. (5)

Come è nella pelle del melograno che si trova l’acido ellagico, esso deve consumare succo di melograno premuto con la sua pelle. È buio e abbastanza amaro da gustare. Ci sono anche integratori alimentari di acido ellagico contenenti pelle di melograno.

9 Consuma cibi anti-aromatasi
Il melograno è un potente anti-aromatasi, ma ci sono altri alimenti da integrare nella vostra dieta con un certo effetto anti-aromatasi:

Alimenti ricchi di vitamina C: agrumi
Crucifero crudo (cavolo bianco, cavolo rosso, cavolfiore) o appena cotto (broccoli)
Uve rosse o vino rosso, ricco di resveratrolo anti aromatasi
Bacche rosse (lamponi, more, fragole)
Ravanello nero, dente di leone, rosmarino: aiutano il fegato a fare il suo lavoro eliminando gli estrogeni in eccesso.